Due parole sull'Analisi Transazionale, ossia la mia teoria di riferimento

Ogni psicoterapeuta ha il suo indirizzo di riferimento, nel senso che non esiste un solo modo di fare psicoterapia, ma tanti, a seconda di come si vedono le cose. C'è chi preferisce vedere la storia passata della persona, chi si sofferma sulle relazioni quotidiane, chi dà più importanza ai sintomi del corpo. Tutti atteggiamenti legittimi, che vanno comunque ad evidenziare la difficoltà di riuscire a vedere l'essere umano nella sua propria interezza.

Io sono un Analista Transazionale. Ai più questa definizione non dice un granché; in effetti l'Analisi Transazionale è una scuola abbastanza di nicchia, frutto dell'influenza che l'approccio umanistico, centrato sulla persona, ha dato alla tradizione psicodinamica classica negli anni '60 del secolo scorso.

Dell'Analisi Transazionale mi piacciono il linguaggio e i concetti a portata di mano, user friendly come si dice oggi.

I concetti di base, o almeno quelli che utilizzo più spesso, sono gli stati dell'Io e il Copione: Eric Berne, il fondatore dell'Analisi Transazionale, ha teorizzato che ognuno di noi ha un Io, ciò che ci rende persone in quanto tali, che ci fa mettere in relazione con gli altri, provare determinate emozioni in determinati momenti, non univoco, ma suddiviso in tre parti. In linea con la sua filosofia semplice, li ha chiamati Io Genitore, Io Adulto e Io Bambino. I tre nomi non sono scelti a caso, ma sottolineano le funzioni che ognuno di essi ha: le regole e la protezione, il pensiero razionale, la spontaneità e l'istinto.

Questi tre Stati dell'Io si attivano in momenti differenti, a seconda di come percepiamo la realtà, e a cosa ci riconduce: attiveremo l'Io Adulto quando vogliamo essere lucidi e analitici (per esempio al lavoro), l'Io Bambino quando facciamo emergere la nostra parte vitale, allegra, più spontanea (per esempio nelle relazioni più intime), l'Io Genitore quando c'è qualche situazione in cui essere protettivi o regolativi (per esempio quando diamo delle disposizioni, o degli insegnamenti, a qualcuno).

Il Copione invece è un concetto che parla di come noi viviamo e vediamo il mondo a partire dalle prime situazioni che abbiamo affrontato, nelle quali abbiamo imparato intuitivamente le strategie per sopravvivere all'angoscia.

Col tempo queste strategie sono diventate sempre più automatiche e inconsapevoli, fino ad essere il prototipo relazionale con cui ci affacciamo nel mondo.

Talvolta sono funzionali e ci aiutano a star bene con noi e con gli altri, altre volte invece sono strategie non più attuali, funzionali con eventi passati ma non con quelli del qui e ora.

Lavorare sulle strategie di copione è un aspetto che mi affascina di più, perché insieme alla persona che ho davanti lavoriamo per definire i modi migliori per sfruttarle, o ne ricerchiamo alternative originali da provare nella quotidianità.

Ci sono poi moltissimi altri concetti elaborati dagli analisti transazionali, e di volta in volta, a seconda della situazione terapeutica, vado a pescare quello più adatto alle esigenze delle persone; diciamo che il termine comune di ognuno di questi è il suo voler essere fruibile sia a me come terapeuta che all'altro come paziente, o, meglio, come persona competente che collabora con me, al mio stesso livello, nella risoluzione del problema che porta nella stanza della terapia.

È un concetto semplice, ma secondo me, anche in base all'esperienza mia e di molti miei colleghi, è fondamentale per il buon esito della terapia.

 


Iniziative

Il Posto dei Papà
Tre incontri per esplorare, riscoprire ed affinare il legame paterno. Scarica il PDF: "Il Posto dei Papà"
Io@affettività
Un percorso con i ragazzi di seconda media per capire insieme quanto l'identità di ciascuno, soprattutto negli anni dell'adolescenza, cambi e venga influenzata dai media e dai social network. Scarica il PDF: Intervento genitori io@affettività
2016 | Percepire il mondo
Quattro serate per parlare insieme dei modi che hanno i bambini per costruire la loro realtà, e di come noi adulti possiamo aiutarli ad avere fiducia e ottimismo per il futuro
Scuola Gabelli
Tanti modi per dire
Una serie di incontri presso la scuola dell'Infanzia Garbelli per parlare dei tanti modi che i bambini hanno di comunicarci i loro bisogni, le loro vite, i loro desideri
Scuola Gabelli

Dr. Luigi Scandella - Psicologo Bergamo

Sedi: c/o Centro Tangram: Via Suardi 71, Bergamo | c/o Centro Anisè: Via Nini da Fano 5, Bergamo

declino responsabilità | privacyluigi.scandella@yahoo.it

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 10292 dal 2006

Prenota un appuntamento

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Psicologo Luigi Scandella

Psicologi

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.