La sindrome del biscardismo

La sindrome del biscardismo

Premessa: mi si perdoni la banalizzazione del lavoro clinico che sto per andare a fare. Del resto, tra la purezza della tecnica e la sua torsione finalizzata al benessere delle persone che incontro, scelgo la seconda.

Premessa: mi si perdoni la banalizzazione del lavoro clinico che sto per andare a fare. Del resto, tra la purezza della tecnica e la sua torsione finalizzata al benessere delle persone che incontro, scelgo la seconda.

Per una intuizione, arrivata probabilmente non a caso, mi è apparso il faccione di Biscardi, di Mosca e di tutti i personaggi che hanno animato lo storico “Processo del Lunedì”, e mi sono immaginato un ipotetico studio televisivo nella testa della mia paziente, durante il quale si discuteva, ci si accapigliava, ma soprattutto si passavano ore a guardare e riguardare frammenti di vissuti, arrovellandosi fino allo spasimo per decidere cosa avesse sbagliato la mia paziente.

Ricordo quando, anni fa, mi capitava di vedere in TV il processo di Biscardi, e di come mi colpisse la verve, l’energia con cui ognuno tirava fuori le proprie ragioni, le proprie idee e la visione del gioco, del regolamento, di qualsiasi cosa del calcio. Ricordo la sensazione di confusione che mi lasciava questo spettacolo.

La stessa confusione mi è sembrata di vederla nella faccia della paziente, consapevole di essere bloccata in una eterna moviola delle proprie giornate, incapace di interrompere la discussione dei propri “biscardini” interni.

Quando ho accennato la mia interpretazione, abbiamo sorriso un po’ entrambi, ma la paziente mi ha detto che in effetti sembra proprio così, dicendo che soffre di “biscardismo”, termine che mi sembra più che efficace.

Ora che abbiamo scoperto il canale e la trasmissione su cui siamo sintonizzati, dovremo evidentemente cambiare frequenza, o meglio ancora, spegnere la TV che abbiamo in testa e prendere la decisione di passare dalla passività di una continua visione delle stesse azioni a una attività in cui si gioca la partita della quotidianità, consapevoli della possibilità di sbagliare, ma impermeabili alle critiche che necessariamente


Iniziative

Il Posto dei Papà
Tre incontri per esplorare, riscoprire ed affinare il legame paterno. Scarica il PDF: "Il Posto dei Papà"
Io@affettività
Un percorso con i ragazzi di seconda media per capire insieme quanto l'identità di ciascuno, soprattutto negli anni dell'adolescenza, cambi e venga influenzata dai media e dai social network. Scarica il PDF: Intervento genitori io@affettività
2016 | Percepire il mondo
Quattro serate per parlare insieme dei modi che hanno i bambini per costruire la loro realtà, e di come noi adulti possiamo aiutarli ad avere fiducia e ottimismo per il futuro
Scuola Gabelli
Tanti modi per dire
Una serie di incontri presso la scuola dell'Infanzia Garbelli per parlare dei tanti modi che i bambini hanno di comunicarci i loro bisogni, le loro vite, i loro desideri
Scuola Gabelli

Dr. Luigi Scandella - Psicologo Bergamo

Sedi: c/o Centro Tangram: Via Suardi 71, Bergamo | c/o Centro Anisè: Via Nini da Fano 5, Bergamo

declino responsabilità | privacyluigi.scandella@yahoo.it

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 10292 dal 2006

Prenota un appuntamento

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Psicologo Luigi Scandella

Psicologi

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.