Il disegno dei bambini

I bambini hanno la naturale tendenza alla vitalità.

Essa si manifesta in tantissimi modi, che spesso, a causa della loro intrinseca energia, disorientano l’adulto.

Tra i modi di fare emergere gli aspetti più vivi di sé, il più diffuso universalmente è il disegno.

Del resto, i primi tratti grafici a noi pervenuti risalgono a 40 000 anni fa, ben prima della nascita delle prime città, a testimonianza della profondità del bisogno astratto di espressione del se’.

I gesti dei bambini, con una notevole convergenza di bisogni culturali e personali sono il filo di congiunzione che ci porta direttamente ai modi di essere che vengono dal Neolitico.

Ma, al di là del significato filologico del disegno, è innegabile che esso abbia un significato personale e difficilmente traducibile in altro modo per il bimbo che l’ha creato.

Una certa psicologia popolare (la psicologia è stata una delle prime discipline a subire il perverso fascino del populismo) vorrebbe che ci fosse una corrispondenza praticamente biunivoca tra gli elementi del disegno e quelli del carattere del bambino.

C’è chi sostiene quindi che l’acqua è SICURAMENTE un simbolo della madre, che la terra è un richiamo alle feci, che le code sono simboli fallici.

Al di là della teoria in se’ autoreferenziale (che però è caratteristica ahimè comune alle psicoterapie analitiche), credo che osservare l’evento del disegnare con un’ottica del genere faccia perdere l’intenzionalità del gesto del disegno: il fine ultimo di un bambino che disegna è comunicare all’altro, alla persona disponibile a mettersi in relazione, il proprio Io più sincero, quello che esprime il suo senso del bello, della volontà, di donare all’altro, se non il disegno stesso, la sua essenza, la visione del mondo, le basi relazionali, con cui l’autore sta impostando il suo crescere.

E, d’altra parte, l’emozione che proviamo quando un bimbo mostra un disegno, credo sia ciò su cui dovremmo soffermarci, sia per sentirla con più chiarezza, sia per proporre una utile e viva educazione emotiva a colui o colei che, con la propria opera, pone di fronte a noi il suo mondo dentro un foglio.

 


Iniziative

Il Posto dei Papà
Tre incontri per esplorare, riscoprire ed affinare il legame paterno. Scarica il PDF: "Il Posto dei Papà"
Io@affettività
Un percorso con i ragazzi di seconda media per capire insieme quanto l'identità di ciascuno, soprattutto negli anni dell'adolescenza, cambi e venga influenzata dai media e dai social network. Scarica il PDF: Intervento genitori io@affettività
2016 | Percepire il mondo
Quattro serate per parlare insieme dei modi che hanno i bambini per costruire la loro realtà, e di come noi adulti possiamo aiutarli ad avere fiducia e ottimismo per il futuro
Scuola Gabelli
Tanti modi per dire
Una serie di incontri presso la scuola dell'Infanzia Garbelli per parlare dei tanti modi che i bambini hanno di comunicarci i loro bisogni, le loro vite, i loro desideri
Scuola Gabelli

Dr. Luigi Scandella - Psicologo Bergamo

Sedi: c/o Centro Tangram: Via Suardi 71, Bergamo | c/o Centro Anisè: Via Nini da Fano 5, Bergamo

declino responsabilità | privacyluigi.scandella@yahoo.it

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 10292 dal 2006

Prenota un appuntamento

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Psicologo Luigi Scandella

Psicologi

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.