Le emozioni parassite

Gli eventi della vita ci portano a provare diverse emozioni. Anche se è difficile dar loro una definizione precisa e pure gli psicologi, in definitiva, non riescono a metterle in una cornice teorica chiara, tutti noi sappiamo bene cosa siano.

Discorso più ostico è il come si manifestano, ed ancor più complicato il perché proviamo proprio quella emozione, proprio in quel momento, proprio in quel posto.

Tra le varie ipotesi sul nostro funzionamento emotivo, l’Analisi Transazionale propone una modello secondo cui gli insegnamenti che i genitori, o chi per essi, ci hanno dato in maniera più o meno conscia hanno contribuito a costruire le modalità di attivazione, repressione, sostituzione delle emozioni che utilizziamo quotidianamente.

Si parla proprio di Emozioni Parassite, cioè emozioni che proviamo non perché autentiche, ma perché hanno il compito di sostituirne altre, quelle vere che sentiamo, ma che abbiamo imparato a nascondere e non manifestare.

L’esempio più comune è la Tristezza che si attiva al posto della rabbia: può essere che siamo cresciuti con l’idea che mostrarsi arrabbiati è male per una serie di ragioni, anche condivisibili, e quindi si va a sostituire un emozione autentica con un’altra, la tristezza, più accettabile.

Questo a seguito di decisioni implicite, inconsapevoli, prese durante i primi anni di vita, che avevano lo scopo giusto e vitale di garantirci la sopravvivenza psichica, e talvolta anche quella fisica. Solo che poi siamo cresciuti, il contesto è cambiato, abbiamo imparato cose nuove e sperimentato nuove abilità. Il nostro meccanismo emotivo invece è rimasto lì, cristallizzatosi nelle modalità della nostra infanzia, incurante o quasi del tempo che passa.

Occorre grande consapevolezza, l’incontro significativo con l’altro e il permesso di cambiare per poter intuire le proprie emozioni come parassite, per modificare, poco alla volta, un sistema antico e polveroso, prezioso ma ormai fuori dal tempo

 


Iniziative

Il Posto dei Papà
Tre incontri per esplorare, riscoprire ed affinare il legame paterno. Scarica il PDF: "Il Posto dei Papà"
Io@affettività
Un percorso con i ragazzi di seconda media per capire insieme quanto l'identità di ciascuno, soprattutto negli anni dell'adolescenza, cambi e venga influenzata dai media e dai social network. Scarica il PDF: Intervento genitori io@affettività
2016 | Percepire il mondo
Quattro serate per parlare insieme dei modi che hanno i bambini per costruire la loro realtà, e di come noi adulti possiamo aiutarli ad avere fiducia e ottimismo per il futuro
Scuola Gabelli
Tanti modi per dire
Una serie di incontri presso la scuola dell'Infanzia Garbelli per parlare dei tanti modi che i bambini hanno di comunicarci i loro bisogni, le loro vite, i loro desideri
Scuola Gabelli

Dr. Luigi Scandella - Psicologo Bergamo

Sedi: c/o Centro Tangram: Via Suardi 71, Bergamo | c/o Centro Anisè: Via Nini da Fano 5, Bergamo

declino responsabilità | privacyluigi.scandella@yahoo.it

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 10292 dal 2006

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Psicologo Luigi Scandella

Psicologi

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.