• Home
  • Articoli
  • L'intervento breve sulla diade madre-bambino

L'intervento breve sulla diade madre-bambino

Ultimamente sto approfondendo, con un gruppo di colleghi, un intervento sulla diade madre-bambino; in sostanza, accogliere nello studio il genitore e il bambino insieme, per poter offrire una risposta concreta, veloce ed efficace ad alcune domande specifiche, ma piuttosto comuni, che i genitori di bimbi tra gli zero e i cinque anni si trovano ad affrontare.

Riprendo direttamente dal sito di riferimento www.progettoprimainfanzia.it

Il pensiero che è alla base della nostra modalità di lavoro si fonda sui dati della ricerca scientifica che hanno accertato quanto le prime relazioni tra bambini e genitori influiscono sullo sviluppo futuro dei piccoli e ne influenzano l’autostima, la qualità delle emozioni, la capacità di stringere relazioni, il pensiero. La storia e la qualità di tali legami permettono al bambino di sentirsi protetto e al sicuro, costituendo la base da cui partire per esplorare il mondo.

L’intervento breve con genitori e bambini è un modo per affrontare le difficoltà precoci in un ambiente accogliente.

Talvolta tali difficoltà si manifestano attraverso il disagio esperito dal genitore, che si può trovare disorientato nell’affrontare i dubbi e i problemi che si presentano in alcune fasi della crescita del bambino.

Il bambino parla e racconta a modo suo con il linguaggio del corpo le sue emozioni e i suoi bisogni attraverso disturbi fisici o comportamenti che diventano fonte di preoccupazione per i grandi.

I suoi messaggi spesso riguardano l’alimentazione, il controllo degli sfinteri, il sonno, l’irrequietezza.

Tra i problemi che si possono verificare ne citiamo alcuni: aggressività del bambino con adulti e/o coetanei, autoaggressività, comportamenti ansiosi, ipersensibilità, astenia, problemi del sonno, inappetenza, stitichezza, dermatiti, crescita non congrua all’età

Il metodo che proponiamo nasce dall’incontro tra la nostra esperienza clinica e nuove metodologie di lavoro derivate dalla ricerca sullo sviluppo del bambino.

Il metodo prevede due fasi:

  1. Il terapeuta, attraverso il gioco e la parola, lavora per 2/3 incontri, insieme a genitori e bambino. Durante questi incontri, che durano 40/45 minuti, un genitore e il terapeuta giocano con il bambino, che in questo modo è parte attiva nel processo di cambiamento. Giocando inoltre può esprimere le emozioni e le difficoltà che sta vivendo.
  1. Terapeuta e genitori riflettono su quanto emerso e individuano strategie e risorse per il cambiamento.

L’utilizzo della videoregistrazione durante gli incontri con genitori e bambini offre la possibilità di cogliere i segnali che anche i neonati mettono in atto per inserirsi nella comunicazione con l’adulto, dando la possibilità ai genitori di osservare ciò che accade nella relazione con il loro bambino, insieme al terapeuta. Nel caso di bimbi più grandi la videoregistrazione permette di cogliere aspetti della comunicazione non verbale che possono essere osservati da genitori e terapeuta e diventare spunti di riflessione.

Nella scelta della metodologia di lavoro particolare attenzione è stata data alla brevità dell’intervento. Vista la qualità dell’evoluzione delle dinamiche relazionali nei primi anni di vita si è ritenuto fondamentale proporre un intervento focalizzato che possa fornire risposte utili nel più breve tempo possibile senza rinunciare alla qualità della proposta terapeutica.

Se volete saperne di più, il sito è www.progettoprimainfanzia.it, oppure, come al solito, potete contattarmi direttamente

 


Iniziative

Il Posto dei Papà
Tre incontri per esplorare, riscoprire ed affinare il legame paterno. Scarica il PDF: "Il Posto dei Papà"
Io@affettività
Un percorso con i ragazzi di seconda media per capire insieme quanto l'identità di ciascuno, soprattutto negli anni dell'adolescenza, cambi e venga influenzata dai media e dai social network. Scarica il PDF: Intervento genitori io@affettività
2016 | Percepire il mondo
Quattro serate per parlare insieme dei modi che hanno i bambini per costruire la loro realtà, e di come noi adulti possiamo aiutarli ad avere fiducia e ottimismo per il futuro
Scuola Gabelli
Tanti modi per dire
Una serie di incontri presso la scuola dell'Infanzia Garbelli per parlare dei tanti modi che i bambini hanno di comunicarci i loro bisogni, le loro vite, i loro desideri
Scuola Gabelli

Dr. Luigi Scandella - Psicologo Bergamo

Sedi: c/o Centro Tangram: Via Suardi 71, Bergamo | c/o Centro Anisè: Via Nini da Fano 5, Bergamo

declino responsabilità | privacy | cookiesluigi.scandella@yahoo.it

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 10292 dal 2006

Prenota un appuntamento

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2019 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Psicologo Luigi Scandella

Psicologi

© 2019. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.